La Gatta Gioelli | Le sette vite dei mici
Collezione LA GATTA GIOIELLI, esclusiva collezione di gattini in argento 925, La Gatta Gioielli propone Collane, Anelli ed Orecchini Made in Italy
Gioielli Gatto, Gatta Gioielli, Gioielli con Gatti, Gioielli con gatto
18718
post-template-default,single,single-post,postid-18718,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Le sette vite dei mici

0 Flares 0 Flares ×

Quando si osserva un gatto, ci si accorge immediatamente che ben poche creature hanno le loro stesse capacità: i cani, inimitabili amici dell’uomo, spesso sono vittime della loro stessa goffaggine, gli uccelli invece sono un po’ fragili ma i gatti…i gatti possono cadere da molti metri d’altezza e rimanere intatti! Possono sopportare maltrattamenti e tornare ben presto a scorrazzare in giro, possono defilarsi da infinite situazioni pericolose e mettersi in salvo, infine possono condurre una vita invidiabile anche se perdono un arto: insomma, le loro possibilità sono numerosissime ed è questa la ragione principale per la quale si dice che i gatti hanno sette vite.
I gatti per loro natura sono animali molto curiosi che, in base a ciò, si intrufolano dappertutto e non di rado si cacciano nei guai ma grazie alla loro sveltezza, la prontezza di riflessi e l’attenzione che li contraddistingue, il più delle volte riescono a trarsi d’impiccio e risultare dei quasi sopravvissuti, per questo le leggende popolari narrano delle loro molteplici vite.

La nascita della leggenda

La leggenda ha radici molto antiche, probabilmente quanto la comparsa dell’animale stesso: c’è infatti chi sostiene che sia nata nell’antico Egitto dove questo animale era ritenuto sacro. Si sa per certo che la versione conosciuta da noi moderni risale all’epoca medievale, quando cioè i gatti non godevano di molta considerazione ed erano anzi minacciati: proprio in seguito alle svariate violenze alle quali furono sottoposti questi animali, nacque l’incredulità rispetto alla loro ineguagliabile capacità di ripresa, cosa che determinò da una parte la nascita della diceria secondo cui i gatti avrebbero sette vite, dall’altra la credenza del fatto che in realtà fossero la reincarnazione delle streghe.
Oggi il gatto domestico non è più minacciato come un tempo ma ancora si possono osservare le mille risorse che sono in grado di mettere in atto in occasione di un pericolo mortale.

Il numero sette e la sacralità

Il fatto che la leggenda parli del numero sette rimanda al valore simbolico di questo numero, infatti avrebbe legami col mondo della magia, ragion per cui i gatti riescono a salvarsi dalle situazioni più disperate.
Il sette però diventa un nove nel mondo nordico, perché in quelle culture è quel numero ad avere particolari caratteristiche collegate col mondo magico. In ogni caso, entrambi i numeri stanno a significare che questi animali hanno più di una vita ed è difficile che muoiano definitivamente; sicuramente non ne hanno una sola come gli esseri umani e non devono tenersela particolarmente cara, approfittandone per compiere peripezie che noi ci sogneremmo soltanto.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×


0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 0 Flares ×